sabato

martedì

lunedì

L'amore


A volte l'amore
nasce dal silenzio.
Dalla voglia di fermare il tempo
in un istante,
in uno sguardo,
in occhi chiusi nei sogni...
come quelli delle stelle...

sabato

In bocca al lupo!





Dovrei fare i complimenti ad Army perchè è riuscito a superare i test di ingresso alla facoltà di disegn...ma invece delle parole tipo "auguri!", "ma bravo!", "azz!", "We scè mi devi offrire una brioche col gelato"...ho deciso di farlo entrare subito in confidenza col nuovo mondo.
In bocca al lupo!

ps: ho trovato solo queste immagini, quindi non rompere! e non dire che nella tua facoltà non farai solo qst cose!

Poltrona e pouf, disegnati da Robert Stadler; La sdraio a "bolle" di Frank Owen Gehry; Una poltrona "Joseph" di Lothar Windels; La poltrona a forma di rosa, dalla Gran Bretagna

giovedì

Chi l'avrebbe mai detto



Capita spesso di sentir parlare di persone che, conosciutesi tramite web, quando si incontrano nella realtà scoprono di provare una forte attrazione, si innamorano e poi magari decidono di sposarsi.
Sentite invece quanto accaduto a "Sweetie" e "Prince of Joy".
I due, residenti a Zenica si incontrarono per caso in chat e hanno scoperto di avere delle forti affinità. E' così che tra loro è nata una amicizia speciale. Dopo mesi di complicità virtuale i due hanno deciso finalmente di incontrarsi.
La magia finisce però pochi secondi dopo che i loro occhi si sono incontrati. Sana e Adnan hanno infatti scoperto di esser moglie e marito.
Risultato? Si sono accusati reciprocamente di infedeltà: ora stanno per divorziare.
Che strano essere è l'uomo!

Spiderporc

Non poteva mancare l'esilarante canzone di Homer Simpson (un grande!!!)

Mi-ti-co!!!



mercoledì

Tira&Molla



Non ci crederete, ma da tanto tempo (e non scherzo, si tratta di anni) avrei voluto vedere questa telefonata spezzone di Tira e Molla...eccola qua!

sabato

Happy Birthday Google


Buon compleanno GOOGLE!


Dieci anni...Non ci sono parole...è cambiato il mondo e tutto non è partito da piani demagogici, stralunati, burocratici: è partito da un sogno.
Complimenti!!!

venerdì

L'Amore




Era malato e depresso, dopo essere stato abbandonato dalla mamma. Ma adesso ha scoperto l'amore, e la sua vita è cambiata. Un macaco di 12 anni, nella provincia di Goangdong, in Cina, ha riscoperto il piacere di vivere grazie a un insolito compagno, un piccione bianco. Una strana coppia, non c'è che dire. La curiosa storia è stata raccontata dal "Daily Mail"

Perchè l'Amore è un sogno che vive in un abbraccio

Passate da Army




Questo post lo dedico ad Armando, perchè mi sta rompendo...
in realtà ha pure ragione, perchè mi avete fatto i complimenti per le foto, ed io non l'ho citato.
Mea culpa.
Adesso fatemi il piacere di passare anche sul suo blog (che sta segnato tra i miei preferiti)
C'è anche un bellissimo video che dovete assolutamente guardare: l'abbiamo proiettato allo spettacolo ed è subito piaciuto. Mi piacerebbe sapere anche cosa ne pensate voi.

A presto!

giovedì

Articolo sul Lessage



L'articolo apparso sul giornale

LESSAGE AL CHIOSTRO DI SORRENTO

Chi l’avrebbe mai detto che un gruppo di ragazzi avrebbe tirato su uno spettacolo originale di musica, danza, poesia, teatro sperimentale, enogastronomia in una cornice unica di scenografie video innovative. Lo spettacolo del 7 settembre al Chiostro di S. Francesco di Sorrento è stato un successo. Di pubblico e di gusto. Un’ora in compagnia dell’arte, accompagnati dalla chitarra di Michele De Simone, dalla struggente e magnetica performance di danza di Francesca Scannapieco, e dai dialoghi di Rita Gargiulo e Antonio D’Aniello, dalla leggerezza delle pennellate di Carmela Guidone: il tutto condito dalle tenere poesie di Domenico Palumbo e dall’atmosfera unica di scenografie video di Federico Cinque e Alfonso De Gregorio. Così commenta Armando Cicirelli, il giovane ideatore della manifestazione: “Devo ringraziare tutti: è stata una scommessa, e l’abbiamo vinta. Con questa manifestazione abbiamo voluto non solo emozionare il pubblico, ma proporre anche qualcosa di innovativo: abbiamo chiamato “Lessage” questa forma unica in cui tutte le arti si completano a vicenda, riuscendo così a dar voce ai silenzi di ognuna. Siamo contentissimi della riuscita dello spettacolo e dell’entusiasmo del pubblico. Un appuntamento da ripetere? Perché no!”

mercoledì

Domenico Palumbo e "Parole d'amore"



“Recensire un libro di poesie è ben più difficile che recensire un romanzo. Innanzitutto perché il testo poetico, concentrandosi tutto in se stesso, in un unicum di musicalità, di drammaticità, di significati, non si riesce a diluire in una spiegazione che ne abbracci genesi, trama e fine; la poesia assomiglia ad uno starnuto: viene e basta. Cosicché alle poesie si addice più essere assaporate - meglio- essere vissute, essere sperimentate, che essere raccontate”. Inizio con le parole dell’autore questa breve recensione di “Parole d’amore”, il libro di poesie di Domenico Palumbo, che in breve ha fatto il giro della rete. Chiedersi come mai il popolo degli internauti preferisca assaggiare poesie di questo giovane autore sorrentino equivale forse a chiedersi del ruolo della poesia nella società contemporanea: c’è ancora spazio per essa, che significato le dobbiamo dare oggi, ha senso ancora scrivere poesie?
Domenico Palumbo ne è certo: la poesia toglie all’animo del poeta il peso del mondo e restituisce al lettore la leggerezza dell’intimità, della speranza, e quindi dei sogni.
E in effetti leggendo il libro sembra quasi di essere cullati da una dolce melodia che scandisce i versi, ora teneri e soffici come carezze, ora brevi e spietati come dardi. Anche quando deve parlare dell’amore. Perché a sentire l’autore, l’Amore è una cosa seria, che esige lealtà prima che sincerità, coraggio prima che abbandono, verità prima che follie. È così che la poesia diventa omaggio alla donna – che è il mondo tutto, che è una in particolare, che è la più bella di tutte - e l’amore verso di lei l’unica possibilità che ha l’uomo di ritornare nel nido caldo della pancia della mamma.
Forse è vero, perché solo così si spiega come, a dispetto del dolore, si torna sempre ad amare, come si torna sempre a partorire.
Fa tenerezza perciò leggere della poesia dedicata alla Madre, struggente e commovente come “Il mio regalo” che chiama a sé tutti gli incanti e le dolcezze del lettore. O “Non contare mai i singhiozzi”, vera e propria carezza di parole che non può non lasciare il posto a “Buonanotte” e a tutte le vellutate suggestioni che porta con sé, lacrime e sogni. Perché in fondo l’Amore assomiglia “alla lacrima che ti sta scendendo dal viso”.
A.G.

sabato

La prima del Lessage




Un grazie a tutti.
Ieri sera lo spettacolo è andato benissimo!
Grazie ad Armando, Luisa, M. Laura, Ferdinando, Federico, Francesca, Rita, Antonio, Alfonso, Michele e Carmela.
Grazie ragazzi!
Abbiamo creduto in un sogno e ce l'abbiamo fatta. E baffanc!!!

A presto per le foto.

Parole d'amore a Positano


Record

Video

Chissà quante volte avrete lanciato pietre in mare...