03 ottobre 2011




Il silenzio che non ha parole,
mi chiede quel canto che parla di te.
E il mio cuore di terracotta
che non vuole l'eterno,
che non vuole l'infinito,
continua a benedire la mia follia.
Non mi stanco allora di cercare ancora
la rosa che ti sboccia sulla guancia
ad ogni mio bacio.
Voglio addormentare tutti i miei demoni,
e mi aggrappo al mio dolore
per amarti almeno un po'.
C'è ancora
nei tuoi occhi impauriti
quella bellezza che soffiava sempre
come un dolce venticello
di canzoni d'amore.
ed ancora una volta...è vita.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao sono Laura,
che bella questa poesia, mi fa pensare a tante cose, mi fa vedere l'amore in un'altra dimensione..
Grazie!
Non credo però sia dedicata alla lei di sempre.. forse hai già un altro amore nel tuo cuore, sono contenta per te, in bocca al lupo!
Laura.

MyWay ha detto...

Ciao Laura,
ti ringrazio del bel commento,
ma non è dedicata ad un'altra persona.
A presto!

Anonimo ha detto...

Ciao sono sempre io, Laura.
Grazie per averi risposta, mi fa molto piacere leggere le tue poesie e commentarti, lo sento davvero nel cuore.
Cmq se dici che non è per un'altra, però non hai confermato nemmeno che è per lei, forse l'hai scritta per nessuno in particolare, immagino.
Cmq complimenti ancora, sei molto romantico.
A presto Laura.

Anonimo ha detto...

Ciao sono Laura,
anche oggi non hai scritto, kissà perchè, cmq volevo solo dirti che quando non scrivi mi cade un velo nero addosso perchè le tue poesie mi danno tanta speranza..
Spero che scriverai presto.
Laura

MyWay ha detto...

Ciao Laura.
Grazie davvero del tuo commento. Sei molto gentile, ma non credo di meritarlo.
Un abbraccio,
Domenico